Novelty in internal medicine. Focus on geriatry and cardiology

On Saturday 11th June 2022 at the Congressional Room of Hotel Regina Palace in Stresa, the concress News in internal medicine came to its end. Focus on geriatry and cardiologia The Course was accredited by the National ECM Committee to allow participants to acquire 5 training credits for the profession of Surgeon: Cardiology – Geriatria – Metabolic diseases and Diabetology – General Medicine (MMG) – Internal Medicine – Nephrology – Neurology. The E.C.M. certificate, indicating the number of credits awarded, will be sent within 90 days of the date of the training event.

Training objectives

Clinical documentation. Diagnostic and rehabilitative clinical-care pathways, assistant profiles – care profiles.

Programme of the conference

09.00 registration of participants and welcome coffee 09.45 Greeting from Authority 1st meeting INTERNAL AND GERIATRICAL MEDICINE Moderators: Fabio Di Stefano, Verbania and Patrizia Julita, Domodossola 10.15 Hands on. MEP Diagnoses of deep vein thrombosis Alessandra Togna, Verbania 10.45 SState of the art. DOACS in the treatment of deep venous thrombosis Fulvio Pomero, Alba 11.15 New concepts. Neurological diseases and dementia Fabio Di Stefano, Verbania 11.45 Focus. COVID 19 and thrombosis Mauro Campanini, Novara 12.15 Debate 12.45 Light Lunch 2th meeting CARDIOLOGY Moderators: Alessandro Lupi, Verbania – Maurizio Borzumati, Verbania e Giuseppe Placentino, Verbania 14.00 HHands on MEP ecocardiogram “FAST” Mariella Montano, Verbania 14.30 State of the art. Amiloidosis Stefano Perlini, Pavia 15.00New concepts. SGLT2 inhibitors and cardiac suppression Stefano Bertuol, Verbania 15.30 Focus. Interventional cardiology Alessandro Lupi, Verbania 16.00 Debate 16.30 Conclusions and closure of work

Scientific Directorate and Secretariat

Dr Fabio Di Stefano Primary of Intern Medicin and Geriatria, Verbania Hospital Dr Alessandro Lupi Primary of Intern Medicin and Geriatria, Verbania Hospital

General coordination

Livia and Vittorio Tonolli Foundation for cardiology and Multidisciplinary Sciences Livia e Vittorio Tonolli Prof. Giuseppe Riggio, Presidente Corso Nazioni Unite, 64 28925 Verbania Suna VB www.fondazionetonolli.it

Segreteria organizzativa e provider ECM

Victory Project Congressi Via Carlo Poma, 2 20129 Milano MI Tel. 02 89 05 35 24 – Fax 02 20 13 95 info@victoryproject.it www.victoryproject.it

Elogio della capacità di arrossire

a cura di: Fabio Gabrielli, Professore di Antropologia filosofica e Preside della Facoltà di Scienze umane della L.U. de S. Lugano

«La perdita della relazione umana (spontanea, reciproca, simbolica) è il fatto fondamentale delle nostre società. È su questa base che si assiste alla reiniezione sistematica di relazione umana – sotto forma di segni – nel circuito sociale e al consumo di questa relazione significata, di questo calore umano significato. L’hostess accompagnatrice, l’assistente sociale, l’ingegnere in relazioni pubbliche, la pin-up pubblicitaria, tutti questi apostoli funzionari hanno per missione secolare la gratificazione, la lubrificazione dei rapporti sociali attraverso il sorriso istituzionale. Dappertutto si vede la pubblicità imitare i modi della comunicazione privata, intima, personale. La pubblicità si sforza di parlare alla casalinga col linguaggio della casalinga di fronte, al dirigente e alla segretaria come il suo principale o il suo collega, a ciascuno di noi come un nostro amico, come il nostro Super-io, o come una voce interiore al modo della confessione. La pubblicità produce così intimità là dove non ce n’è, tra gli uomini, tra questi ultimi e i prodotti, secondo un vero processo di simulazione».

Paesaggi del dolore e della sofferenza

a cura di: Fabio Gabrielli, Professore di Antropologia filosofica e Preside della Facoltà di Scienze umane della L.U. de S. Lugano

Come è noto il dolore e la sofferenza disegnano profili esistenziali diversi. Il dolore presuppone passività, rinvia a cause, determina un male oggettivo ed è moralmente neutro; la sofferenza implica reattività, rinvia al reperimento di un senso/non senso e, quindi, è moralmente rilevante. In altri termini, il dolore è un evento oggettivo, un accadimento tragico, sul quale la coscienza esercita una riflessione (sofferenza) improntata ad una diversificata pluralità di tonalità affettive: dallo sgomento alla rabbia, dalla rassegnazione alla compassione, passando per l’angoscia, il mistero del male, il senso incarnato della precarietà del vivere.

Cardiac arrhythmias and the role of clinics

Prof. Paolo Della Bella, Director of the Centre for Aritmology of the San Raffaele University Hospital in Milan, known for the clinical view of the problem of cardiac arrhythmias and organisational aspects between doctors and specialised anti-archaemic centres, considers it essential to be clear in a field often underestimated by the practical doctor and thus by the person involved or even overestimated. For example, in the case of abduction, ignoring that it is an exceedance of pharmacology, or in the defibrillator (ICD) where survival is all the greater the less the defibrillator, thanks to the contribution of other associated therapeutic measures (antiarchaemic, abduction, etc.).

The patient’s lifestyle, mental and neurovegetative balance in a harmonious ethical and economic context are always of great importance.

“The battler at night”,is a wake-up call to tell us that something is perhaps changing in our lives. Giuseppe Pontiggia in the Giardino delle Esperidi

Interview with Prof. Paolo Della Bella

By Giuseppe Riggio and Eros Barantani

Night-time arrhythmia is often the first warning call of atrial fibrillation.

At the age of 50 there is a high risk of heart failure and embolia, and perhaps no abduction is needed, but there is a need to think about a “conscientious campaign” and to assess the pathology underlying the arthaemia. Therefore, clinical monitoring (arterial hypertension, obesity, etc.), ecography, Holter with small implantable devices to choose between pharmacological therapy or abduction. Frequent episodes of atrial fibrillation in healthy heart must give us thought to a pathology of the atrio (atrial myocardiopathy), facilitated by the underestimation of arthaemia and by having ignored abduction.

It is necessary to be aware that there are arthmias linked to concurrent factors such as high degree obesity and it is useful to organise a weight control clinic in collaboration with cardiologists’ colleagues.

We know that it is rare (in 5 % of cases) to encourage a dysfunction of the left ventricol, in any case the high frequency of an extrasistolia is poorly tolerated and the detection of an aritmic outbreak by means of an electrophysiological study and appropriate mapping is the most appropriate methodology to prevent major alterations.

At an early stage, ethnicological treatment is important and myocardial biopsy and then immunosoppressive or antiviral treatment should be preferred; the decision is interdisciplinary as a neglected myocarditis becomes dilatative myocardiopathy. It is important to connect with the Padova and Trieste group for a common, multidisciplinary route with aritmologists, electrophysiologists, cardiologi-surgeons for atrial fibrillation, with the aim of personalised treatment such as at the San Raffaele.

Preference in these contexts is to treatment with abduction, which in 80/85 % of cases exceeds any other heart therapy, thus avoiding drug addiction; if the patient has already followed other treatments, the word goes to the technique. When symptoms occur, an electrophysiological study, mapping, abduction should be used. In severe ventricular tachicardie, there are data documenting negative inotropic effects of medicines: CORDARONE in functional class II is useful, in functional class III increases mortality, but has been forced to interrupt the first year in 18 % of cases due to serious problems with hypertyroidism, pulmonary fibrosis; in such cases, there is an indication of the defibrillator’s implantation to solve the sudden death problem. There are no other therapies with such a dramatic impact, but the defibrillator if several times increases mortality, worsens survival; if the applicable strategies increase, they should be followed. The overlap of pharmacological treatment with the defibrillator reduces the number of shocks, the betablocant reduces it by 50 % and the defibrillator, born as a shock box, now has tools to recognise slower ventricular tachicardie and intervene at various frequencies: with frequencies above 200, the number of shocks is reduced so as to support the regression of the arthaemia in a few seconds. Abduction may be used at the same time as or after the defibrillator planting and, in the latter case, the abduction is not followed by increased mortality.

– do not underestimate atrial fibrillation, regardless of ethology, for the damage it causes, in particular celebral damage (cognitive deficit);
– not underestimate the abduction seen as a priority therapy tool over pharmacological therapy;
– do not consider the defibrillator (ICD) to be the solution of severe ventricular arrhythmies due to the positive role of pharmacological association and abduction that avoid damage caused by frequent defibrillator interventions.

Medicina personalizzata: un esempio nella terapia dei tumori

a cura di: Silvio Garattini, Direttore, IRCCS, Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri”, Milano

Il sogno di una medicina personalizzata non è nuovo. Da sempre si ritiene che ci si debba prendere cura dell’ammalato e non della malattia, riconoscendo che le malattie sono una semplificazione diagnostica di una situazione eterogenea. Con il tempo e con lo sviluppo delle tecnologie e delle conoscenze, si sono fatti molti tentativi. Ad esempio, la possibilità di misurare le concentrazioni dei farmaci nel sangue ha permesso di stabilire che la stessa dose dello stesso farmaco dava luogo in differenti soggetti a concentrazioni ematiche molto differenti. Ciò ha fatto pensare alla possibilità di cambiare la dose a seconda della concentrazione ematica per personalizzare il trattamento. I cambiamenti di dose hanno permesso di ottenere qualche risultato positivo, ma in realtà si è poi osservato che eguali concentrazioni di farmaco non permettevano di ottenere una omogeneità di effetti terapeutici.

30 anni di attività della Fondazione Tonolli

a cura di: Prof. Giuseppe Riggio, presidente Fondazione Tonolli

Livia Tonolli
Milano 1909 – Pallanza 1985

Ricercatrice, presso l’Istituto Italiano di Idrobiologia sulla riva settentrionale del Lago Maggiore, per lo studio delle acque dolci e dei suoi micro-organismi (1938), richiamando grandi ricercatori tra cui il Nobel per la Medicina, James Watson, 1962.

Ha voluto sostenere la ricerca clinica del Gruppo Italiano per lo Studio della Streptochinasi nell’Infarto Miocardico (G.I.S.S.I.) riconoscendone il grande rilievo clinico, organizzative preliminari e contribuendo in modo importante ricerca clinica multicentrica nazionale sulla terapia trombolitica nell’infarto miocardico in fase acuta, che ha portato ad una significativa riduzione della mortalità (vedi Giornale Italiano di Cardiologia Vol. 17/I, Gennaio 1987). Come sappiamo, questa ricerca ha aperto la via ad una nuova concezione clinica della terapia della cardiopatia ischemica, condivisa a livello internazionale.

“…quel bacio è ancora lì…”

così concludeva Cesare Musatti nel descrivere l’avvenimento “sul ponte di Sacile” quando nel 1918 è attraversato da un plotone di giovani che va alla guerra in prima linea e un giovane se ne distacca per pochi secondi  per dare un bacio di addio alla sua ragazza: “quel bacio è ancora lì”. Questo ricordo ci illumina sullo spirito che animava, e anima, Livia Tonolli e la fondazione da Lei creata nel sostenere la ricerca clinica sulla trombolisi nell’infarto del miocardio lucidamente sintetizzata, nell’essenza e nei contesti, da Silvio Garattini.

Il pensiero di Silvio Garattini

Il trentesimo anniversario della Fondazione Tonolli è strettamente associato al ricordo indimenticabile della sua fondatrice, Livia Tonolli, a cui mi hanno legato un lavoro comune nel Comitato di Biologia e Medicina del Consiglio Nazionale delle Ricerche e sentimenti di ammirazione e amicizia. La Fondazione Tonolli ha tenuto fede alla sua missione nonostante la ricerca scientifica sia stata abbandonata nel nostro Paese visto che il Governo la ritiene una spesa anziché un investimento essenziale per il futuro dei suoi cittadini. L’impegno della Fondazione per il settore delle malattie cardiovascolari è stato di grande valore attraverso la realizzazione di corsi innovativi che si sono svolti regolarmente in questi anni. Non posso tuttavia dimenticare il contributo economico che la Fondazione ha dato per la realizzazione dello studio GISSI che ha marcato una svolta importante nella storia della cardiologia.

Si è trattato di una ricerca clinica controllata che ha permesso di stabilire in modo definitivo la possibilità di ridurre la mortalità da infarto miocardico attraverso l’impiego di un farmaco fibrinolitico, la streptochinasi. Oltre al valore terapeutico, che si è poi diffuso in tutto il mondo, lo studio GISSI ha permesso di dirimere un problema di fisiopatologia riguardante l’origine dell’infarto cardiaco: spasmo o occlusione delle coronarie? La risposta è stata chiara nell’indicare che si tratta di una formazione trombotica che occlude le coronarie, scoperta che ha poi determinato l’impiego dei farmaci antipiastrinici a scopo preventivo. La Fondazione Tonolli ha creduto nella ricerca anche in un periodo in cui la ricerca indipendente era quasi inesistente. Lunga vita alla Fondazione Tonolli nel ricordo della sua grande Fondatrice!